chiudi

Questo sito utlizza cookie necessari al funzionamento e alle finalità illustate nella Cookie Policy. . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei cookie.

)

Rionero e dintorni   

storia e altro      

a cura di Franco Pietrafesa

 
 

 

 

 

Home page

Studi e ricerche

Miscellanea

Scaffale

Contributi

Album

  • cartoline illustrate

  • fotografi primo 900

  • fotoritocchi anni 30

  • Grellier 1858

  • raccolta

  • don Giustino in posa

  • Monticchio

 

 

 

 

 

don Giustino in posa

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa è sicuramente la fotografia più conosciuta di Giustino Fortunato.

È opera di Alfredo Pesce, "fotografo ufficiale della Real Casa Savoia", attivo a Napoli dal 1893 al 1915. Aveva lo studio nella Galleria Umberto I e poi in piazza San Ferdinando ed era considerato come uno dei migliori ritrattisti di quel periodo. Numerose sue fotografie, ritratti di personaggi illustri e attori napoletani, sono conservate presso la Biblioteca Lucchesi Palli della città partenopea.

Montata su cartoncino recante lo stemma dello studio fotografico, il senatore rionerese era solito regalarne una copia ad amici ed elettori, con firma e dedica. Questa, per esempio, è la copia destinata al compaesano Michele Nigro.

 

 

 

 

La fotografia seguente ritrae un giovane Fortunato appena eletto alla Camera e ancora oggi conservata nel portale storico della Camera dei Deputati.

 

 

 Quest'altra, invece, si riferisce al periodo in cui era stato nominato senatore.

 

 

 

Le seguenti fotografie lo ritraggono in compagnia di colleghi parlamentari.

Qui è con Sidney Sonnino e Nicola Mameli.

 

 

In quest'altra è in compagnia del senatore Baroni e di Leopoldo Franchetti.

 

 

 

Questa fotografia è del 1902. Accompagna il presidente Zanardelli in visita a Rionero.

 

 

 

Qui è con la famiglia Lioy a Ripacandida

 

 

 

in questa immagine è nella tenuta di famiglia a Gaudiano

 

 

Nelle fotografie che seguono è nella sua casa di Napoli

 

 

Infine, queste due fotografie rare di Giustino Fortunato dagli archivi di Michele Pinto e

Michele Traficante.