chiudi

Questo sito utlizza cookie necessari al funzionamento e alle finalità illustate nella Cookie Policy. . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei cookie.

Rionero e dintorni   

storia e altro      

a cura di Franco Pietrafesa

 

 

 

 

 

Home page

Studi e ricerche

Miscellanea

Scaffale

Contributi

Album

cartoline illustrate:

  • indivise

  • ricordo

  • gita a Monticchio

 

indivise

undivided back

 

 

 

 


 

 

 

Le  prime "cartoline illustrate" si diffusero in Europa alla fine dell'Ottocento, soprattutto in Germania, in Francia, in Svizzera. Secondo la maggioranza dei cartofili e studiosi di storia postale, la prima cartolina illustrata italiana fu emessa nel 1896 in occasione delle nozze del principe Savoia di Napoli con la principessa Elena di Montenegro. Tuttavia, già nel

 

 

Cartolina emessa nel 1896 in occasione delle nozze del principe Savoia di Napoli (poi re Vittorio Emanuele III) con la principessa Elena Petrovitch di Montenegro.

 

 

 

1882 la tipografia Danesi di Roma aveva pubblicato una serie di vedute disegnate dal pittore Baldassarre Surdi e nel 1887 il proprietario di un negozio di biancheria di Napoli, Giosuè De Palma, aveva fatto distribuire delle cartoline ottenute incollando sul verso di una cartolina postale una striscia di carta con tre piccole vedute di Amalfi, Napoli e Capri.

 
 

Riproduzione della cartolina fatta distribuire da Giosuè De Palma nel 1887 ottenuta incollando sul verso di una cartolina postale una striscia di carta con tre piccole vedute di Amalfi, Napoli e Capri.

 
 

 

                                  

Dal 1° agosto 1889, inoltre, erano entrate in circolazione le "Cartoline autorizzate dal Governo": le prime, pubblicate dall'editore Danesi di Roma, mostravano monumenti e panorami delle più grandi città d'Italia.

 
 

“CARTOLINA AUTORIZZATA DAL GOVERNO” pubblicata dall’Editore Danesi di Roma, viaggiata nel 1891

 

 

 

Nel 1878 il Congresso Mondiale dell'Unione Postale Universale fissò in 90x140 mm il formato massimo del cartoncino, che doveva avere un lato completamente riservato all'indirizzo e l'altro occupato da un'immagine fotografica stampata in modo da lasciare un poco di spazio in basso o a destra per le comunicazioni del mittente.

Nel 1902 la Gran Bretagna introdusse il "divided back", cioè la divisione in due parti uguali del verso della cartolina illustrata, destinando la metà di destra all’indirizzo e all'affrancatura e la metà di sinistra al testo del mittente. Il lato opposto poteva essere completamente occupato dall’illustrazione. La disposizione della Gran Bretagna fu presto accolta dall’U.P.U. e, a poco a poco, introdotta anche negli altri stati europei.

In Italia fu adottata nel 1906.

 

 

 

 

         

 

          

 

1-2. Cartolina postale illustrata inviata da Rionero in Vulture il 21 novembre 1902. Un lato del cartoncino è indiviso e reca l'indicazione che su esso andava scritto soltanto l'indirizzo. Sul lato illustrato della cartolina lo spazio bianco a destra dell'immagine stampata non è bastato a contenere il testo del mittente.

 

  

          

 

 

            

 

3-4. Una ristampa della cartolina precedente, spedita da Rionero il 29 agosto 1908. In questa edizione il verso è diviso in due, con la parte destra destinata all'affrancatura e all'indirizzo e la parte sinistra al testo del mittente.

 

 

 

 

 Ci sono giunte finora sette cartoline illustrate di Rionero undivided back. Oltre a quella mostrata poco sopra, ne abbiamo una intitolata "Ricordo", spedita da Rionero il 5 maggio 1902, altre due raffiguranti il panorama del paese con il Monte Vulture sullo sfondo. Una cartolina, di cui esiste anche un esemplare incorniciato nella Biblioteca Fortunato, contiene due vedutine, una con la Croce Monumentale da poco eretta sulla cima più alta del Monte Vulture. Infine, un panorama racchiuso in un ovale, stampato a Pavia dalla Premiata Eliotipia Fusi, e una cartolina color avorio recante uno scatto del fotografo Faggella, attivo a Rionero alla fine dell’Ottocento.

 
 

 

5 - Rionero in Vulture - Ricordo, data del timbro postale 5 maggio 1902.

 

 

6 - Rionero in Volture, Napoli, dalla famosa Stamperia Richter & Co., N.V.

 

 
 

 

7 - Rionero in Vulture, data del timbro postale 25 maggio 1906.

 

8 - Rionero, Panorama e Croce Monumentale sul Monte Vulture, data del timbro postale 12 agosto 1906.

 
 

9 - Ricordo di Rionero in Vulture, Pavia Premiata Stamperia Fratelli Fusi, data del timbro postale non leggibile.

 

 

 

 10 - Panorama Rionero Vulture, Fotografia V. Faggella, N.V. La stessa immagine è stata utilizzata anche per una cartolina formato doppio stampata qualche anno dopo.